La musica contemporanea su MySpace

Di solito si pensa a MySpace come ad un posto dove ascoltare l’ultima demo dell’ultima band di indie-rock del sud dell’Himalaya.

logo di MySpace

In realtà  la community più grande del mondo si sta trasformando sotto i nostri occhi in un microcosmo alternativo in cui è possibile trovare di tutto.

Allora proviamoci: non riuscite a trovare i brani dei più grandi compositori di musica contemporanea? Volete farvi un’audio-idea?

Eccola: la lista della musica contemporanea su MySpace.

Ci sono quasi tutti, anche se sicuramente è bizzarro per le nostre orecchie ipersensibili ascoltare queste opere in formato mp3. Ecco chi siamo riusciti a scovare, in ordine rigorosamente sparso:

Volete provare a fare qualcosa di veramente interessante? Aprite tutti i link insieme e lasciate che i player suonino contemporaneamente….bello, vero?

Facebook Comments

Gianpaolo D'Amico

Editor-in-chief at sounDesign
Gianpaolo D'Amico is an independent creative technologist for digital media. He is the founder of sounDesign and a music obsessed since he was 0 years old.

4 COMMENTS

  1. […] Che Stockhausen, Xenakis, Ligeti, Boulez, Cage e molti altri del genere avessero uno spazio su MySpace non lo avrei mai detto, ma la fede dei fans è grande e accade anche questo. La cosa è stata portata alla mia conoscenza dai colleghi bloggers di sounDesign in questo post (c’è anche una interessante proposta cageana). Naturalmente, nello spazio dedicato a John Cage, uno dei brani ascoltabili è il solito 4′33″… (ma anche la delicatissima Music for Marcel Duchamp). Ovviamente non ho resistito e ho lanciato l’ascolto dell’infame brano silenzioso . L’ho ascoltato guardando l’indicatore del traffico di rete che mostrava kili e kili di bytes silenziosi viaggiare da MySpace al mio computer. 4′33″ è il pezzo di Cage più scambiato in rete, è in vendita su iTunes a $ 0.99, è stato oggetto di una causa: tonnellate di banda usate ogni giorno per trasmettere il nulla… Se però penso agli skirillioni di bytes che viaggiano ogni ora per trasmettere idiozie, preferisco di gran lunga il nulla, che, come il vuoto quantico, è un nulla che non è vuoto. Grande, JC… […]

  2. Aggiungerei al bel post di Gianpaolo qualche vecchio amico in cui mi sono imbattuta in quel di My Space…dato che la filosofia dello Spazio è che un amico tira l’altro…a voi scoprire tutti gli altri!
    Vi segnalo quindi Luigi Russolo e Bob Moog, ma ci tengo particolarmente acchè andiate a visitare
    Delia Derbyshire, rara donna in una lista al maschile, compositrice elettroacustica inglese, autrice e soundesigner per telefilm di science-fiction della BBC…

  3. […] Che Stockhausen, Xenakis, Ligeti, Boulez, Cage e molti altri del genere avessero uno spazio su MySpace non lo avrei mai detto, ma la fede dei fans è grande e accade anche questo. La cosa è stata portata alla mia conoscenza dai colleghi bloggers di sounDesign in questo post (c’è anche una interessante proposta cageana). Naturalmente, nello spazio dedicato a John Cage, uno dei brani ascoltabili è il solito 4′33″… (ma anche la delicatissima Music for Marcel Duchamp). Ovviamente non ho resistito e ho lanciato l’ascolto dell’infame brano silenzioso L’ho ascoltato guardando l’indicatore del traffico di rete che mostrava kili e kili di zeri viaggiare da MySpace al mio computer. 4′33″ è il pezzo di Cage più scambiato in rete, è in vendita su iTunes a $ 0.99, è stato oggetto di una causa: tonnellate di banda usate ogni giorno per trasmettere il nulla… Se però penso agli skirillioni di bytes che viaggiano ogni ora per trasmettere idiozie, preferisco di gran lunga il nulla, che, come il vuoto quantico, è un nulla che non è vuoto. Il vento dell’Oriente e il vento dell’Occidente si incontrano in America e producono un movimento ascensionale nell’aria; lo spazio, il silenzio, il nulla che ci sostiene… […]

Comments are closed.