City Works, i Giardini Pensili in mostra

Alla base del viaggio vi è spesso un desiderio di mutamento esistenziale. Viaggiare è espiazione di una colpa, iniziazione, accrescimento cultura, esperienza

Erich J. Leed ovvero, una delle citazione di riferimento della mostra City Works.

city_setup.jpg

Si è da poco conclusa a Firenze un’esposizione di film, disegni, suoni, oggetti, come recita il sottotilo della mostra City works, dedicata al lavoro che Roberto Paci Dalò e i suoi Giardini Pensili hanno svolto a partire dagli anni ’90 in sette città  nel mondo.

city_statua.jpg

Sette, a volerne scegliere un campione, perchè a dire il vero la realtà  urbana, la città  è l’ambiente d’azione prediletto da Roberto Paci Dalò in tutto il suo percorso artistico; perchè lavorando sulla città , si parte dall’altro, dallo sguardo generale, ma poi si finisce con l’indagare

i suoi abitanti, il loro vedere, i loro corpi e i loro volti, le loro voci

Corpi, volti e voci che i Giardini Pensili, appena arrivati in un posto nuovo, si affrettano a mappare – audioregistrare, videoregistrare – indagare, catturare, per poi utilizzarli come materia prima dell’arte.

sesvtop.jpg

La mostra, curata da Marco Brizzi del SESV Spazio Espositivo di Santa Verdiana e organizzata da iMage, era impostata come un backstage, uno sguardo dall’interno del lavoro preparatorio sul e nell’ambiente urbano, quello immediatamente visibile epresente, e quello più sottile della storia del luogo, delle sue immagini nascoste. I materiali esposti – diari, moleskine di appunti – permettevano di entrare nel laboratorio dei Giardini Pensili, e seguire dall’inizio la creazione dell’intervento artistico.

city_moleskine.jpg

Sette, dicevamo, le città : ad esempio Berlino, con l’audiodramma Many, many voices del 1995 oppure Città  del Messico, con Petroleo Mèxico, film del 2006, o ancora Vancouver- Local and long distance del 2003, e perchè no, Rimini.

Durante l’inaugurazione della mostra si è tenuta una tavola rotonda che ha visto/sentito interventi oltre che di Roberto Paci Dalò e Marco Brizzi, di Gaia Bindi, Daniele Lombardi e Albert Mayr.

city_tavola2.jpg

Questo in breve (brevissimo) il contenuto degli interventi, dagli appunti gentilmente messi a disposizione da Simonetta Belli di Velvet Factory/Giardini Pensili:

  • Gaia Bindi si è concentrata sul tema della città  come stimolo principale dell’arte attuale, come siero magico per la creatività  in un’epoca in cui la popolazione mondiale inurbata ha superato quella che non vive in città , e quindi le città  sono una condizione del vivere quotidiano per la maggior parte della popolazione mondiale. Una città  che è ha sempre più l’aspetto di un movimento fluido di popolazioni, di gesti, di linguaggi, e che viene rappresentata da opere arstistiche che a loro volta sono sempre più fluide, guardando all’interattività  tra mezzi ed elementi diversi.
  • Daniele Lombardi ha parlato della necessità  di una ricerca artistica che “rimetta insieme i pezzi” di ambiti disciplinari differenti e che, attraverso una lavoro su mezzi come il video e il suono, faccia sorgere una nuova sensibilità  in questa direzione, per dare origine alle forme artistiche del domani.
  • Albert Mayr ha parlato delle difficoltà  con cui spesso si scontra chi opera cercando il dialogo tra diverse forme artistiche, in quanto spesso si parla molto di interdisciplinarità  quando invece il sistema delle arti è ancora molto settorializzato.

Ringrazio ancora Simonetta per gli appunti, le immagini sono courtesty of Giardini Pensili.

Facebook Comments

Sara Lenzi

Director of Marketing at Sonoport
Sara Lenzi is Director of Marketing at Sonoport. With more than a decade of experience in sound design and audio branding consultancy, she writes about all the multifaceted aspects of sound in communication. She is an international lecturer and founder of Lorelei Sound Strategies, the first sound branding boutique studio in Asia. Sara has a Master Degree in Philosophy from the University of Bologna and she is starting her PhD at the University of Bilbao, Spain. She lives in Singapore, where she spends her free time in tireless exploration of local food stalls and vintage shops, sipping cocktails in the tropical humidity and diving with giant turtles in the South China Sea.