Andrea Cremaschi e Francesco Giomi: Rumore bianco

Consigliamo una buona lettura per il fine settimana ad almeno due categorie di lettori: a quelli che si avvicinano al mondo del suono e della progettazione sonora, e magari hanno iniziato quest’anno un percorso scolastico in questa direzione. In moltissimi ci scrivete, e questo testo dalle dimensioni più che portatili (sta nella tasca della giacca) può chiarirvi molte idee e farà quindi al caso vostro.

Per esempio, se vi chiedete quali sono – brevemente e chiaramente – le differenze tra il mondo analogico e il mondo digitale; quali e che caratteristiche hanno i formati audio più diffusi oggi; come si “trasporta” il segnale digitale (S/PDF, ADAT e colleghi), come si è arrivati ai sintetizzatori software dai primi oscillatori e quali sono i principi della sintesi, come si costruisce il suono attraverso filtri, delay, plug-in di vario tipo…

Mi fa particolarmente piacere il primo capitolo, dedicato ad una breve storia della musica elettronica. Assolutamente da leggere e rileggere, poche pagine molto chiare che non possono fare altro che suscitare curiosità e spingere ad approfondire la questione, soprattutto con l’ascolto delle opere dei numerosi autori citati, per poi scoprirne molti altri…

Gli ultimi due capitoli sono dedicati al suono nello spazio e quindi alla progettazione multicanale e dulcis in fundo all’elettronica dal vivo. Vengono chiariti alcuni concetti che chi si avvicina oggi alla progettazione sonora dovrebbe avere ben in mente: chi è il regista del suono, come si sono evoluti i sistemi di diffusione sonora nello spazio (dall’Acousmonium all’inglese BEAST) e cosa ne è oggi, quali sono in formati per l’home theatre (utile quando vi troverete a dover “bruciare” il vostro primo DVD 5.1…).

Ma anche cos’è la programmazione ad oggetti, come si è passati dal MIDI all’OSC, e insomma come la tecnologia influisce sull’evoluzione del suono e della musica stessa. Per questo lo consiglio anche al secondo gruppo, quello dei professionisti che magari insegnano e si trovano a dover fornire ai loro studenti definizioni semplici e chiare.

La mia preferita è quella del mixer analogico: “un dispositivo in cui affluiscono e defluiscono, con possibilità di dosaggio, tutti i segnali audio in gioco”. Mi sto ancora chiedendo se mi sarebbe mai venuta in mente, una descrizione così semplice e chiara…

E quindi: Rumore bianco. Introduzione alla musica digitale di Andrea Cremaschi e Francesco Giomi, collana Chiavi di lettura di Zanichelli (che peraltro comprende altri testi interessantissimi, in campi diversi da quello di cui occupiamo qui, ma da segnalare sicuramente). Prezzo: 9,80 euro.

Facebook Comments

Sara Lenzi

Director of Marketing at Sonoport
Sara Lenzi is Director of Marketing at Sonoport. With more than a decade of experience in sound design and audio branding consultancy, she writes about all the multifaceted aspects of sound in communication. She is an international lecturer and founder of Lorelei Sound Strategies, the first sound branding boutique studio in Asia. Sara has a Master Degree in Philosophy from the University of Bologna and she is starting her PhD at the University of Bilbao, Spain. She lives in Singapore, where she spends her free time in tireless exploration of local food stalls and vintage shops, sipping cocktails in the tropical humidity and diving with giant turtles in the South China Sea.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here